Scelte

Passi pesanti

Sogni infranti

Scelte obbligate, da speranze svanite

Ho sentito qualcosa in quel silenzio

Ed oggi, quasi, ancora lo sento

Scelgo di andare e forse sbagliare

Ma qui non so più stare

Guarire

Lasciarsi andare

Fluire ed ascoltare

Sentire il calore

Provare fiducia e poi agitazione

Paura dell’ignoto, del buio e del vuoto

Tornare bambina

Una mano vicina

Provare a lasciarsi andare

Voglia di volare

Affidarsi a qualcuno e sentirsi tutt’uno

Rapporti Amari

Ci sentiamo strani

Cambiamo i nostri piani

Facciamo i sordi al nostro cuore

Lo facciamo per non sentir dolore

Il dolore di sentirci sbagliati

Perché se diciamo no, veniamo incolpati

Ci sentiamo sbagliati

Non vogliam ferir chi amiamo

Ma intanto

Dentro

Moriamo

Il mio valore

Volevo la conferma da fuori del mio valore

Ed ho trovato solo dolore

Ho delegato chi non mi conosce

Chi forse, nemmeno ha sentito il suono della mia voce

Gli ho dato importanza

Sono stata respinta e ho chiuso la mia essenza in una stanza

Ho pianto, gridato, urlato

Ma alla fine ho imparato

Andare via

Ci ho sperato

Ho aspettato

Ti ho guardato

Ho sognato

Ti ho sentito stretto a me anche se non c’eri

Ma tu nemmeno mi vedevi

Il tuo cuore guarda altrove

Sono stata in ogni dove

Ma ho perso le parole

E con esse le speranze

Dentro tutte mie stanze

Non lo so dove cercare

Sembra facile da fare

Le strade ora son divise

Sono stata sulle spine

Forse è stata roba mia

Ma ora devo andare via

Treni

Treni che partono

Treni che tornano

Treni che arrivano

Treni che passano 100 volte

Ed altri che non passano più

Ma quel treno non sei tu

Ancora qui

Ho aspettato a lungo

Mi son guardata dentro

E oggi, come allora

È te che sento

Sei stato di passaggio

Ti è mancato il coraggio

Ma so che vuoi tornare

Da li tu vuoi scappare

L’ho detto già una volta

E poi qui sei tornato

Non sarai nel mio passato

Firenze

Lei ti sente

Questa città non mente

Tra la folla e tra le gente

C’è chi grida e chi non sente

C’è chi spera, vive ed ama

Firenze, ti chiama

Ora tocca a te

Ora, ama

Non vivo

In questi giorni non scrivo

Non vivo

Chiusa in me stessa

Aspetto un ritorno

Ma quando sarà quel giorno?

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito